Batterie auto migliori: prezzi, recensioni, opinioni, marche, migliore batteria per auto

Una batteria è fondamentale per il buon funzionamento della tua automobile, perché è proprio grazie alla batteria che il motore dell’automobile viene azionato. Per questo non bisogna sottovalutare il momento dell’acquisto. In commercio ne esistono di diverse tipologie, e la scelta va fatta a partire dalla compatibilità. Ogni vettura, infatti, funziona con dei modelli ben precisi. La batteria ha un suo ciclo di vita, ciononostante le migliori in commercio hanno una durata considerevole e, soprattutto, non ti lasciano a piedi senza preavviso.

Che cos’è la batteria auto e a cosa serve

La batteria per l’automobile è un dispositivo in grado di accumulare energia elettrica per poi erogarla quando è necessario. E’ per questo che la batteria viene chiamata anche accumulatore. Il meccanismo che sta alla base del suo funzionamento riguarda specifiche reazioni chimiche tra:

  • il piombo delle piastre e
  • l’acido solforico usato per bagnarne le superfici.

Queste reazioni chimiche hanno lo scopo di liberare e assorbire elettroni. Nel primo caso, la batteria eroga corrente, nel secondo caso viene ricaricata. Senza una batteria l’automobile non si metterebbe in moto, quindi capite bene che il suo funzionamento è fondamentale. Ogni volta che la macchina è in funzione la batteria dell’automobile si ricarica in modo automatico.

Come funziona una batteria per auto

La batteria per automobile è uno dei componenti più importanti di una vettura, senza di quella infatti l’automobile non si metterebbe in moto. In inverno, soprattutto, quando le temperature si abbassano molto, è più probabile che la macchina stenti a mettersi in moto. Ma non è solo il freddo a creare problemi alla batteria della macchina. Può capitare, infatti, che se lasciamo la macchina ferma per diversi giorni, questa può avere problemi a partire. Se però succede troppo spesso che la macchina stenti a mettersi in moto o, addirittura, non parta proprio, allora fareste bene a controllare la batteria. Ma come funziona una batteria? Una comune batteria per automobile, funziona per accumulazione di elettricità. Grazie a una precisa reazione chimica tra diversi tipi di materiali all’interno della batteria viene sviluppata una tensione (che si misura in volt). La maggior parte delle batterie in commercio è dotata di una tensione di circa 2 volt per ogni singola cella, e considerando che ogni batteria è composta in genere da 6 celle, la tensione complessiva di una batteria per auto è intorno ai 12 volt.

Il meccanismo che sta alla base del funzionamento di una batteria è una questione puramente chimica: si crea un circuito tra il polo positivo e quello negativo e si genera così elettricità, che è a momenti attiva e a momenti non attiva. La batteria si attiva con l’accensione del motore. Quindi, l’elettricità procede verso la batteria quando l’automobile è accesa ma non si utilizza nessun tipo di strumento che richieda l’utilizzo della corrente (come la radio o l’accendisigari). In tutte queste situazioni ad alimentare la batteria ci pensa l’alternatore. Quando però le piastre di piombo (posizionate all’interno della batteria) diventano simili, possono ridurre la tensione prodotta e interrompere così l’erogazione di elettricità. In questo caso hai due possibilità: o ricaricare la batteria o sostituirla.

Quante tipologie di batterie esistono

I commercio esistono diverse tipologie di batterie per automobili, tanto che orientarsi nella scelta non è sempre facile. Possiamo raggruppare in 5 categorie le batterie che si utilizzano maggiormente:

  • Batteria piombo-acido: chiamate anche batterie umide, sono tra le più utilizzate dalle case di produzione di automobili. Come lo stesso nome ci suggerisce, si basa sulla presenza di acido a contatto con le piastre;
  • Batteria agli ioni di litio: è un tipo di batteria piuttosto recente, utilizzata prevalentemente per le vetture elettriche e ibride, perché presenta un’elevata densità energetica;
  • Batteria a GEL: si tratta di un tipo di batteria utilizzata su automobili particolarmente potenti o con accessori agli interni che necessitano di elevata fonte di energie elettrica, visto che la batteria contiene un acido gelatinoso molto potente;
  • Batteria AGM (Absorbent Glass Material): si tratta di una batteria molto leggera e indicata per motocicli. E’ molto simile alla batteria piombo-acido, con la differenza che al posto del piombo (più pesante) hanno il vetro (più leggero);
  • Batteria EFB (Enhanced Flooded Battery): è un tipo di batteria altamente affidabile e funzionale, migliore rispetto alla batteria piombo-acido. Solitamente utilizzate nelle vetture con sistema Start&Stop, ed è azionata attraverso una sorta di garza di poliestere che funziona da accumulatore.

Come scegliere la batteria giusta

La scelta di una nuova batteria, qualora si sia accertata la necessità di una sostituzione, va fatta con criterio. Non si può acquistare il primo modello che si trova sul mercato, perché si rischierebbe di ritrovarsi con una batteria non compatibile con la nostra automobile. Senza contare il fatto che se, per errore, dovessimo montare una batteria non compatibile, si rischierebbe di danneggiare l’auto. Quindi, occorre per prima cosa, verificare la compatibilità della batteria con la vettura. Per accertarsi della compatibilità si può semplicemente verificare il modello della vecchia batteria, dove troverai scritti i dati tecnici relativi, ad esempio, all’amperaggio. Altra cosa da fare è leggere attentamente le indicazioni riportate sul libretto d’uso e manutenzione dell’automobile. Sicuramente troverete una sezione dedicata all’alimentazione dove vi verrà indicato il tipo di batteria che si può utilizzare in caso di sostituzione.

Infine, ci si può rivolgere al proprio meccanico o elettrauto di fiducia, che saprà darvi le giuste indicazioni circa il modello da acquistare per la vostra auto. Anche online si possono avere, su appositi siti, informazioni sul tipo di compatibilità tra batteria e automobile. Basta inserire la marca, il modello e l’anno di immatricolazione della vostra auto per visualizzare quali sono i modelli compatibili.

Come verificare lo stato della batteria

Prima di accingersi alla sostituzione della batteria è bene accertarsi sul suo livello, per capire se realmente è scarica e se quindi può essere ricaricata o sostituita. Ci sono dei segnali che ti possono indicare che la tua batteria sta perdendo i colpi, o che sia arrivata al capolinea. Ad esempio può capitare che la macchina faccia fatica ad accendersi, soprattutto se di mattina, dopo una notte molto fredda. Le temperature molto basse, infatti, possono creare dei problemi alla batteria e ostacolare il funzionamento ottimale. Attenzione però, perché non sempre la batteria va sostituita. La misurazione della tensione è l’unico procedimento che ci fa capire se la batteria va sostituita o meno.

Ma come si misura la tensione della batteria? Puoi farlo anche da solo, basta munirsi di un voltmetro. Con questo specifico strumento potrai verificare il livello della tua batteria. Se il voltmetro segnala una tensione compresa tra 12,4 e 12,7 volt, vuol dire che la tua batteria funziona ottimamente, ma se il valore risulta inferiore a 12,4 volt significa che la batteria ha bisogno di essere ricaricata o sostituita.

Perché la qualità della batteria è importante

Quando ci si appresta alla sostituzione di una batteria e dunque all’acquisto di una nuova i deve fare i conti con una domanda: meglio optare per un modello di marca oppure per un modello più a buon prezzo? Potremmo rispondere in questo modo: se la nuova batteria ha i parametri tecnici necessari e consigliati per la tua automobile, non puoi sbagliare. Dovete tenere presente comunque che le automobili di un certo livello sono munite di batterie di qualità superiore e che, nel caso di una sostituzione, affidarsi a un marchio accreditato dà una garanzia in più. La batteria auto, essendo un accumulatore, è sempre sottoposta a caricamento. Una batteria di scarsa qualità avrà una capacità di ricaricarsi inferiore rispetto ad altri modelli di qualità superiore, non solo, ma una batteria scadente è più sensibile agli sbalzi di temperatura e aumenta il rischio del dispendio di energia. Soprattutto d’inverno o comunque nei luoghi più freddi con temperature rigide che scendono anche sotto lo zero, la batteria auto può causare problemi con l’avviamento del motore.

Tra i tanti parametri da prendere in considerazione al momento dell’acquisto di una batteria per auto, vi è sicuramente il costo, ma considerare solo questo potrebbe rivelarsi uno sbaglio. Spesso è meglio investire un po’ più di soldi in un prodotto di qualità, piuttosto che risparmiare un po’ di soldi in cambio di una batteria inaffidabile.

Cosa considerare nella scelta

La scelta di una batteria per auto deve tenere presente una serie di caratteristiche. Le batterie si possono suddividere in diverse tipologie. Sono 3 i parametri principali che occorre considerare al momento dell’acquisto di una batteria per auto, ovvero:

  • le dimensioni,
  • il peso e
  • l’amperaggio.

Per quanto riguarda le dimensioni, diciamo che esistono batterie più grandi e altre più piccole. Quindi, questo aspetto ci fa capire che non tutte possono essere compatibili con la tua automobile. Se scegli una batteria troppo grande ti sarà impossibile inserirla all’interno dello specifico scomparto, ma anche se ne scegli una troppo piccola avrai problemi con il funzionamento. E per quanto riguarda il peso? Il discorso è più o meno analogo a quelle per le dimensioni: esistono modelli più pesanti e altri meno pesanti. Il peso medio si aggira intorno agli 11 kg. Infine, si deve considerare l’amperaggio, e la sua unità di misura (l’ampere-ora), che indica la carica per l’erogazione di un ampere di corrente elettrica per un’ora. In una batteria è importante verificare anche anche il CCA (amperaggio di avviamento a freddo) per effettuare un avviamento senza intoppi del motore. Questa unità di misura indica il numero di ampere che una batteria è capace di sostenere per un tempo di 30 secondi a una temperatura di -17,8 gradi centigradi.

Compatibilità batteria-veicolo

Ogni automobile ha la sua batteria o i suoi modelli di batteria compatibili con la sua struttura. Esistono diverse tipologie di batterie per auto, così come esistono diversi tipologie di automobili. Quelle di ultima generazione sono dotate di un sistema speciale chiamato Start & Stop. Questo sistema permette di spegnere e riaccendere il motore della macchina in modo automatico ogni qual volta l’automobile si ferma e riparte, come ad esempio al semaforo o in mezzo al traffico cittadino. I vantaggi di questo sistema innovativo sono molto importanti. In questo modo, infatti, si riesce a ridurre in modo significativo i consumi di carburante e, di conseguenza, le emissioni inquinanti. Ma cosa c’entra il sistema Start & Stop delle auto di ultima generazione con la batteria?

Queste auto funzionano in modo diverso rispetto alle auto tradizionali, il che significa che anche le batterie sono diverse, perché questo genere di motori presenta delle esigenze speciali in termini di alimentazione. Quindi, se hai una macchina con sistema Start & Stop accertati che la batteria che devi acquistare sia compatibile con questa specifica funzione.

Quali sono le migliori marche

Nella scelta di una batteria per auto la marca è un fattore non poco importante. Esistono in commercio diversi marchi accreditati in grado di offrire prodotti di qualità, con una lunga durata e performanti. Le caratteristiche tecniche sono spesso simili da un prodotto all’altro, ma affidarsi a un marchio conosciuto significa avere qualche garanzia in più in termini di assistenza, come nel caso di eventuali guasti o malfunzionamenti.

Tra le marche più conosciute e accreditate si trovano: Bosch, Varta, Tudor e Fiamm. Oltre ad avere una storia consolidata alle spalle questi brand sono in grado di offrire una vasta gamma di prodotti al punto da coprire la maggior parte delle tipologie di autovetture in commercio.

Come far durare di più la batteria

Ci sono degli accorgimenti che puoi adottare per far in modo che la batteria della tua auto duri più a lungo. Se hai un’automobile alimentata a metano, GPL o benzina, con due piccoli accorgimenti puoi risparmiare la tua batteria, o meglio farla durare più a lungo. Tutte le macchine con doppia alimentazione (a metano e benzina, oppure a GPL e benzina) è importante che percorrano ogni mese qualche km (almeno 20 km) utilizzando la benzina. Un altro accorgimento che è bene seguire qualora l’auto rimanga per tanto tempo inutilizzata, è quello di staccare la batteria e collegarla a un caricatore, per evitare che si rovini, soprattutto se la macchina viene lasciata all’aperto e non custodita in un garage. Infine, vi sono anche le auto elettriche o ibride. Se hai questa tipologia di vettura dovresti:

  • evitare che la batteria si scarichi totalmente;
  • caricare la batteria quando il suo valore raggiunge circa il 20%/30%;
  • non superare il voltaggio consigliato;
  • evitare di guidare con repentine accelerazioni;
  • evitare di caricare la batteria elettrica al massimo livello (100%) e fermarsi all’80% o 90%;
  • evitare di lasciare l’auto sotto il sole o a basse temperature per lungo tempo.

La manutenzione

La maggior parte delle batterie di ultima generazione, o meglio le automobili di ultima generazione sono sempre più tecnologiche e sofisticate. Fino a qualche anno fa era più comune ritrovarsi con problematiche legate alla batteria dell’auto che si scaricava e che ti faceva letteralmente rimanere a piedi. Oggi, invece, è sempre più difficile ritrovarsi con problematiche di questo tipo. Molte automobili, nel loro libretto delle istruzioni alla voce batteria, riportano l’informazione di non necessitare di alcun tipo di manutenzione. Ciò è in parte vero. E’ sempre opportuno seguire dei piccoli accorgimenti che allungheranno la vita alla tua batteria.

Oltre a propendere per un modello che sia affidabile in quanto a marca, periodicamente dovresti controllare il livello dell’elettrolito. Ogni macchina ha anche i suoi morsetti, indispensabili per ricaricare la batteria quando è scarica. Quindi attenzione a tenerli sempre puliti e pronti all’uso. Anche mantenere la parte esterna della batteria pulita e sgombra da polvere o sporcizia varia è una buona abitudine.

Come si smaltisce una batteria auto

Al momento di doversi liberare della propria batteria dell’auto perché si è deciso di sostituirla, puoi optare per diverse strade: contattare il tuo Comune di residenza che saprà darti tutte le indicazioni sulla procedura per lo smaltimento adeguato, indirizzandoti verso un punto di raccolta più vicino. Puoi anche contattare il tuo elettrauto o il tuo meccanico di fiducia che saprà aiutarti nella procedura. Se decidi di farti cambiare la batteria auto da un professionista, sarà lui stesso a occuparsi dello smaltimento.

Infine, se devi smaltire una batteria a piombo, puoi contattare il Consorzio Obbligatorio per le Batterie al Piombo Esauste e i Rifiuti Piombosi che si occupa dello smaltimento di questo tipo di batteria offrendo un servizio completamente gratuito.

Non è difficile accorgersi quando la batteria della tua auto ha dei problemi. Se nel girare la chiave di accensione avverti uno strano rumore proveniente dal motorino di avviamento, questo è un segnale che la batteria della tua auto potrebbe essere scarica. Si dovrebbe anche accendere la spia della batteria sul quadro della macchina, che indica appunto una problematica a carico della batteria. Qualora, invece, l’auto non dovesse neanche accendere quadro o luci, allora la batteria potrebbe aver ceduto di colpo o essere scollegata. Le cause di un problema alla batteria possono essere diverse.

Utilizzare una batteria dall’amperaggio insufficiente per le richieste di energia della macchina, (che devono includere, oltre al normale funzionamento del motore, anche quelle per l’autoradio, il condizionatore o il servosterzo) può creare problemi alla batteria. Altra causa che può far scaricare la batteria è dimenticare le luci di posizione accese, così come lasciare la macchina inutilizzata per un periodo di tempo molto prolungato.

Stefania Abbondanza

Ho una laurea in filosofia e un master in economia. Scrivo per la carta stampata e per il web, su argomenti anche molto diversi tra loro. La mia passione? Imparare cose nuove, scoprire, parlare, confrontarmi, reinventarmi un po' in tutto, dalla vita privata a quella professionale. Sono una perfezionista, sempre al lavoro per migliorarmi e migliorare. Amo cucinare, leggere, scrivere, ma anche mangiare, ascoltare e avvicinarmi a mondi sconosciuti, come quello della tecnologia.

Back to top
menu
scelta batterie auto